Top
Alina_Person2

ALINA PERSON – «Raccontiamo la Napoli indifesa»

Dopo averla scoperta nel film ‘Loro’ di Paolo Sorrentino, Alina Person torna al cinema nel film ‘‘Ed è subito sera’’ di Claudio Insegno, accanto agli attori Franco Nero, Gianluca Di Gennaro, Gianclaudio Caretta, Gaetano Amato. Il film racconta la storia di Dario Scherillo, un giovane ragazzo ucciso per errore a Napoli durante una terribile faida tra clan camorristici. Il film vuole portare alla luce le morti ingiuste causate dalla mafia. Alina Person prende parte così ad un progetto di grande impegno civile.

di Anna Chiara Delle Donne

Benvenuta, Alina. Sei nel cast del film “Ed è subito sera”. Ci racconti il tuo personaggio?

Il mio personaggio è una giovane prostituta di periferia della quale si innamora l’antagonista detto “o’moccus”. Sarà anche lei una vittima innocente perché verrà uccisa per fare uno sgarro al capo banda di un clan della camorra, “o’moccus” appunto.

Quando hai letto le sceneggiature, cosa hai pensato di voler dare al tuo personaggio? 

Quando ho letto la sceneggiatura mi sono appassionata subito alla storia, perché purtroppo tante sono le vittime innocenti della camorra, donne, ragazzi, bambini e anche prostitute, perché magari inconsapevolmente legate a membri dei clan. Ho cercato di rendere il mio personaggio più vero possibile, senza sovrastrutture e cliché.

Come descriveresti il film “Ed è subito sera”? 

É un film che descrive perfettamente ciò che è la realtà delle strade di Napoli, quella “normalità” a cui tutti cercano di non dare peso, ma che purtroppo fa male e che dovrebbe toccare tutti non solo i familiari delle vittime innocenti. Si spera che questo film possa sensibilizzare le nuove generazioni nella scelta di ciò che è bene e ciò che è male. 

In un articolo de Il Mattino, “Ed è subito sera” è stato definito un racconto tagliente di una Napoli indifesa. Che ne pensi?

Indifesa… parola importante. Indifesa perché forse nessuno, o comunque pochi, sono gli occhi che vedono veramente ciò che accade. ”Evidentemente avrà fatto qualcosa… Se non fai niente nessuno ti tocca” è la frase che echeggia continuamente per le strade di Napoli, ma non è esattamente così, come infatti si evince anche dal film stesso.

Quale messaggio speri che colga il pubblico che andrà a vedere questo film?

Spero che le persone si sensibilizzino e che siano meno superficiali e indifferenti a ciò che accade, che aprano gli occhi, denuncino e capiscano da che parte schierarsi.

Sei una ballerina e un’attrice. Come si collegano queste due arti nella tua vita?

L’arte è espressione, è aria che mi tiene viva sotto ogni forma e la amo con ogni fibra del mio cuore, se posso suscitare emozioni con il mio corpo, la mia voce e la mia interpretazione sono la persona più felice del mondo. Datemi arte e io vivo. Non potrei fare altro nella vita.

Quali sono i modelli femminili a cui senti di ispirarti nella vita e nel lavoro? 

Cerco sempre di dare di più, studiando continuamente e mettendomi alla prova, perché non si smette mai di imparare (sono molto autocritica e difficilmente sono soddisfatta del mio lavoro). Ammiro tutte quelle donne che hanno lottato per ottenere la propria libertà e i proprio diritti, che sono poi diventati i nostri diritti. Le donne purtroppo sono sempre state e sempre saranno in minoranza e non potremo mai camminare tranquille per strada o stare serene in un gruppo di soli uomini, perché la preoccupazione di essere violate ci perseguiterà sempre.

Hai dichiarato di essere una sognatrice piena di grinta. Chi sarai tra un paio di anni?

Sarò sempre più piena di grinta e spero sempre meno sognatrice, perché nel pieno dei miei sogni divenuti realtà.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi