Top
Image Alt

Editoriale

  /  Editoriale

di Umberto Garibaldi

In uno degli ultimi discorsi fatti da first lady, Michelle Obama si rivolse ai giovani con parole d’affetto e di grande trasporto: “Non perdete un minuto a vivere il sogno di qualcun altro. Ognuno di noi ha un dono eccezionale, ma richiede molto lavoro scoprire che cosa ci porta alla gioia. Ci vuole tempo. Investitelo! Voglio che i giovani continuino a imparare e seguire i valori con orgoglio. Vedete, la nostra grande diversità, le nostre diversità di fedi, colori e convinzioni non sono una minaccia a ciò che siamo: sono ciò che ci rende ciò che siamo”. Red Carpet Magazine vuole, così, dedicare questo numero ai giovani e all’importanza di trovare non solo il proprio posto nel mondo, ma anche la propria identità.

di Umberto Garibaldi

La storia di J. K. Rowling e del suo Harry Potter ha fatto sognare un mondo, pagina dopo pagina, magia dopo magia. J. K. Rowling non è soltanto la scrittrice più ricca al mondo, ma è soprattutto una donna che ha reso il suo lavoro e la sua vita un’occasione unica e irripetibile. Non tutto le è stato facile, però. Nel 1982 tenta l’esame di ammissione ad Oxford e non lo supera, ma si laureerà lo stesso all’Università di Exeter. Lavora come ricercatrice e segretaria bilingue per Amnesty International poi alla Camera di Commercio. Perde la mamma a 25 anni, si sposa, si separa e nel frattempo cresce una figlia con non poche difficoltà. Il suo Harry Potter, progetto in cui ha sempre creduto, fu rifiutato da ben 11 case editrici.

L’8 settembre del 2009 Barack Obama, allora Presidente degli Stati Uniti d’America, tenne un discorso davanti a quindicimila laureati della Howard University. Quel discorso toccante e significativo è un ottimo augurio per questo nuovo anno 2019. Barack Obama ha fatto la storia della politica americana, ha infranto tabù, è arrivato al successo grazie al suo coraggio, al suo impegno e alla sua dedizione per lo studio e il lavoro. Ma prima di ogni cosa, Barack Obama ha osato, sfidato la sorte, ha avuto il coraggio di compiere determinate scelte. Suo padre lasciò la famiglia quando Barack aveva soltanto due anni ed è stato allevato da una madre single che lottava ogni giorno per pagare i conti. Spesso, quel piccolo ragazzo si sentiva solo e pensava che non ce l’avrebbe mai fatta. Ma per Barack Obama qualcosa cambia. Arrivano le seconde possibilità proprio quando non ci speri più. Barack afferma: «Ho avuto un sacco di seconde possibilità e l’opportunità di andare al college e alla scuola di legge e seguire i miei sogni».

Loading

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi