Top
Dora Perini | urgenza dell’estasi | Red Carpet Magazine

DORA PERINI | URGENZA DELL’ESTASI

Sabato 17 settembre 2016 è stata inaugurata  al 121 Vecchia Ferriera “95 polaroids”, la personale d’esordio della promettente artista vicentina.

Dora Perini, vicentina trapiantata durante gli anni della formazione scolastica negli States, esordisce con la sua prima Personale a titolo “95 Polaroids” sabato 17 settembre dalle ore 19:00, presso lo spazio 121 Vecchia Ferriera di Vicenza. La mostra, organizzata da Isabella Baudo Studio, contiene appunto 95 scatti fotografici che testimoniano l’ecletticità di un talento in crescita, già premiato in Ohio con riconoscimenti scolastici riconosciuti a livello statale quali Golden Key per la fotografia e Silver Key nella sezione mixed media.

A un’attenta analisi si riscontra nei lavori più riusciti della Perini una natura organica o, meglio, è attiva e vibrante l’inspiegabilità propria di Arte e Amore. Se il propellente principale dell’agire periniano resta la passione, gli scatti qui esposti raccontano un percorso evolutivo che va dal Gustav Klimt di “Danae” (la campitura perfettamente organizzata dell’oggetto, i contorni netti mutuati da un gusto graficamente impeccabile) ai ritratti serigrafici di Warhol, padre putativo di uno stile visivo ma pure di un sottobosco “underground” ancor oggi intrigante e misterioso. Alla fotografia l’artista giunge intuitivamente, forgiata dal desiderio di raccontare ambiguità, voglie sommerse, situazioni per certi versi vicine al voyeurismo tipico del peep show.

“La bellezza non mi basta – sottolinea Perini – senza l’amalgama di un gioco ben bilanciato tra emozione e intelletto”. Un discorso sui Massimi Sistemi concepito alle luci della notte eppure godibile, non solamente onirico ma anzi dotato di una salda coerenza. Un monologo registrato in bilico tra possibilità dei mezzi digitali e astuzie analogico-artigiane. La Perini è una giovane artista emergente su cui è dato contare, poiché le sue provocazioni sono misurate al millimetro ma pure ricamate con femminile nonchalance. Si tratta l’erotismo fiutando Art brut, si parla di musica suonando glam. Un lavorio che odora più di liberazione che di auto-analisi o di egocentrica catarsi. I continui cambi di umore testimoniati dal catalogo confezionato da Rptr Collective svelano un percorso dal “mood” internazionale al sapor di Technicolor. Una Personale insomma, da visitare lasciando a casa le zavorre di pregiudizi tipiche del’erudito medio.

 

Elementi di valore aggiuntivo sono i testi di accompagnamento alle immagini redatti dallo scrittore Stefano Barcarolo e l’allestimento della  mostra, curato dall’architetto Fabio Dalla Valle by Manaly Standeventi, “Il progetto della mostra di Dora Perini –  evidenzia Dalla Valle – si sviluppa attorno all’idea del quadrato come genesi formale. La forma della Polaroid  e la sua astrazione a 360 gradi sono gli elementi che hanno dato vita all’idea dell’allestimento. L’allestimento è strutturato in momenti-layer: entrata, supporti, pareti, soffitto, fondo, con uno sbilanciamento prospettico legato ad uno shock visivo: le foto vengono attaccate ai supporti di metallo, inserite nelle finestre, sostenute da cavi di acciaio, proiettate su schermi visivi, osservate e calpestate. L’effetto scenico è studiato per vivere l’esperienza “mostra” come all’interno di una foto. I rimandi delle linee geometriche dei supporti costruiscono lo spazio e posizionano le immagini sul pavimento.

Le lamiere di acciaio cor-ten, usate  come passe-partout, diventano, assieme ai supporti volanti, la cifra espressiva del progetto dove l’artista colloca le immagini, le esalta, le fa volare e le nega, calpestandole. Le opere proiettate scandiscono il tempo sezionando le immagini in un ritmo musicale che ha la valenza di una danza lisergica, di un viaggio onirico via via sempre più frammentato.

In cosa si basa la sua ricerca artistica?

Nell’individuazione di immagini autentiche, nella sperimentazione di un linguaggio che si ritagli uno spazio al di fuori dei canoni di bellezza “politically correct”.

Come riuscirci?

Non temendo di sembrare impopolari, crudi, non essendo vittime della paura di sfidare la tradizione o, meglio, di passare oltre l’esempio della pur blasonata tradizione artistica del Bel Paese per giungere a una comunicazione quanto più pura possibile mediante il linguaggio del presente.

Le immagini di Bellezza per cui è unanimemente riconosciuto il Bel Paese non contano?

Per chi produce arte nel tempo presente l’imperativo è sfatare la non-necessità del fare arte. Siamo caduti in un “cul de sac” di immagini fini a se stesse. Ed è innegabile che la bellezza classica diviene spesso semplice arredo, smettendo di sfidare l’osservatore che la scruta.

Le opere proiettate scandiscono il tempo sezionando le immagini in un ritmo musicale che ha la valenza di una danza lisergica, di un viaggio onirico via via sempre più frammentato.

 

“95 Polaroids” cosa significa ai suoi occhi?

La mostra raggruppa una serie di episodi fotografici nati da un tentativo preciso: quello di forzare le regole tecniche che mi si presentavano davanti, di scatto in scatto, per arrivare ogni volta a un risultato diverso da quello che l’ha preceduto. Senza dunque essere “contro” il Sistema, ma al di là da esso.

Qual è la sfida principale che ha vinto per giungere a tale risultato?

La mia formula è attualmente composta da due elementi imprescindibili: comprensibilità e abbandono dell’ego. Ho smesso di compilare il “diario” della mia vita attraverso l’arte, spostando l’attenzione al resto del mondo. È stato un ottimo affare.

Quali immagini non accendono la sua creatività?

Le rispondo in altri termini: l’unico sguardo che non mi interessa è quello che ricerca esclusivamente la prospettiva del guadagno.

Cosa l’affascina nel medium fotografico?

Il mio flirt con la fotografia è destinato a durare poiché, requisito fondamentale per accendere il mio interesse, non intendo considerarmi una fotografa. Si tratta appunto di un medium, un “tramite” ed è in questa luce che lo impiego. “95 Polaroids” non è una mostra fotografica ma la proposta di una comunicazione visiva neo-primitiva. Non reputo sostanziale etichettare il risultato in solo funzione del supporto scelto.

Perché si dedica all’Arte?

Amo credere in un mondo di onestà intellettuale e intendo lavorare alla sua edificazione. L’arma che impiego è quella della mia stessa vulnerabilità. Ritengo importante esporre le mie fragilità, mi sembra che questo sia un atto eroico nel senso più prezioso del termine. Il suo scopo attuale? Non alimentare l’indifferenza nello spettatore. Essa è uno dei vizi capitali nel mondo dell’Arte contemporanea.

Cosa c’è di “italiano” nel suo stile?

Il senso del dovere. Ma riconosco una scissione in questa mia appartenenza: da una parte mi concentro fortissimamente per ottenere risultati netti.

Dall’altra non temo di perdermi in visioni stranianti per poi ritrovarmi all’occasione successiva. Questo conflitto dissociativo impedisce alla mia opera di cristallizzarsi in un’unica formula, in un unico ruolo, siano pure quelli convenzionalmente accettati di “artista”, “figlia”, “amica” o “amante”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi