di Gino Morabito

«Realizziamo sogni fatti di tessuti indossabili»

Sartoria, eleganza, amore per il fatto a mano, sensualità, sono alcune delle componenti dell’identità creativa di Dolce&Gabbana. Un brand capace di reinventare il concetto di moda e di reinventarsi, in una spettacolare armonia dei contrasti: sacro e profano, maschile e femminile, colore e nero Sicilia. Ogni abito è una narrazione di autentica bellezza, un sogno fatto di tessuto indossabile.

Il racconto di un amore che diventa atteggiamento spirituale, dedizione, ossequio, affetto reverente. In una parola devozione. Devotion declinata nel gusto del bello di Domenico Dolce e Stefano Gabbana.

SG: Il fatto a mano, il tocco umano per noi rappresentano un valore. Traducono l’amore che abbiamo per il nostro lavoro, per l’attenzione che dedichiamo alla costruzione di ogni singolo capo; la ricerca costante per l’equilibrio perfetto tra l’armonia delle forme e la cura per i dettagli. La sartorialità e l’artigianalità sono alla base delle nostre creazioni, siano queste vestiti o oggetti di design.

Creazioni che nascono da ispirazioni molteplici, spesso contrapposte: un viaggio, un film, un libro, un ricordo…

DD: … o semplicemente la condivisione di idee, momenti con amici o persone che incrociano casualmente il nostro percorso.
Non esiste una ricetta! Abbiamo imparato ad avvicinarci alle cose, non solo con gli occhi ma anche con la mente e il cuore aperti. Questo ci permette di andare oltre, di intuire i desideri delle persone, di capire cosa sognano.

Intuizioni, desideri, visioni, raccontati attraverso l’occhio sapiente della cinepresa del Premio Oscar Giuseppe Tornatore. Quando l’arte della moda riveste il cinema di bellezza

SG: È stata una bella sfida: noi sappiamo fare vestiti, non siamo attori. All’inizio ha prevalso l’imbarazzo ma Giuseppe è stato molto bravo a farci sentire a nostro agio.
Ci ha fatto ricordare le difficoltà e le gioie dei nostri primi anni: allora come oggi, condividevamo un obiettivo; l’amore e l’entusiasmo che da sempre mettiamo nel nostro lavoro e che ci hanno portati dove siamo oggi.

Girato in gran parte nel cuore di Palermo e ai piedi del Duomo di Monreale, il documentario con le musiche originali di Ennio Morricone vuole essere un ulteriore tributo d’amore da parte dei due stilisti per l’Isola.
Un po’ un voler dire: date alla Sicilia quel che è della Sicilia.

DD&SG: La Sicilia per noi è da sempre una fonte d’ispirazione inesauribile: i colori e i profumi, le tradizioni e i valori, i paesaggi e la storia. In Italia siamo immersi nel “bello assoluto”. Noi italiani non ce ne rendiamo conto ma il cibo così come il territorio, l’arte e la cultura, ci regalano continuamente bellezza. Ogni regione ha una storia da raccontare, un folclore che rivela l’anima del territorio e delle persone che lo abitano; perle di rara bellezza che devono essere conosciute, tesori di artigianato inestimabile.

Leggi l’articolo completo sul numero di Marzo/Aprile 2022 di Red Carpet Magazine