Top
Gianmarco-Tognazzi-redcarpetmagazine

Giammarco Tognazzi

«In alto i calici alla filosofia della zingarata»

di Gino Morabito

Centomila bottiglie con sei etichette sono un percorso che, iniziato nel 2015, ha ottenuto un risultato straordinario. Quella de La Tognazza è una proposta rivolta a chi si riconosce nella stessa filosofia di vita: vivi e lascia vivere. Oggi l’azienda ai Castelli Romani è la sua prima attività, il vino la sua indipendenza. Il racconto di un figlio che, in alto i calici, celebra lo spirito della zingarata.

Un giorno chiesi a mia madre se ricordava come nacque l’idea della supercazzola e lei mi raccontò che mio padre, qualche mese prima di girare, invitò alla tenuta Monicelli accompagnato da Benvenuti e De Bernardi, i due sceneggiatori. Sono stati qui a mangiare e a bere fino alle quattro di mattina ogni sera per una settimana e, durante una cena, mentre parlavano di come sarebbe stata la supercazzola, ubriachi persi cominciarono a sbiascicare delle espressioni completamente inventate. Da lì ho capito che quel vino, che poi è l’antenato del nostro, ha avuto un ruolo fondamentale nell’ubriacarli e nel far loro inventare i termini della supercazzola.

Tutto parte da Ugo, dalla sua grande lungimiranza…

… A cominciare dall’importanza dell’impiattamento, della presentazione e della vista, elementi che porta in Italia in tempi non sospetti, attraverso la cucina francese di Paul Bocuse, quando ancora nessuno girava con i vassoi. Così come reinventare le ricette rileggendo la tradizione. Ovviamente, in quel suo reinterpretarle, alcune erano delle genialate, altre dei tentativi che si traducevano in azzardi improponibili. Amava sperimentare, anche nel cinema rischiava di fare dei personaggi al limite. Di Ugo ancora c’è l’invenzione di aver chiamato questo luogo ai Castelli Romani La Tognazza.

Read more

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi