Top

GIANMARCO SAURINO – «Celebriamo la vita e l’amore»

Tra teatro e tv, tra verità e umanità. Il giovane attore Gianmarco Saurino esplora continuamente le mille sfaccettature della sua carriera. Racconta, senza mezzi termini, la realtà di ogni suo personaggio. Nella quinta stagione della fortunata serie ‘’Che Dio ci aiuti’’, l’attore torna così ad indossare gli abiti dell’avvocato Nicodemo Santopaolo. Il suo personaggio crescerà e affronterà quei tormenti che solo l’assenza di una persona di cui eravamo innamorati sa darci. Eppure, questo sorprendente artista esprime il suo talento senza esitazioni e senza barriere. Ha, infatti, commosso e stupito il videoclip ‘’Tutte le volte’’, del brano del cantante Eman, in cui Gianmarco Saurino interpreta in modo spiazzante e devastante Dj Fabo. Un attore sa essere un bravo attore quando commuove, stupisce e sorprende il suo pubblico. Gianmarco Saurino fa tutto ciò.

di Anna Chiara Delle Donne

Benvenuto, Gianmarco. Sei tornato in tv con la nuova stagione della serie ‘’Che Dio ci aiuti’’. Che compagne di set sono state Elena Sofia Ricci e Valeria Fabrizi, per te?

Le donne del cast sono state in grado di indirizzarci all’interno del progetto e di questa grande famiglia. Elena Sofia Ricci e Valeria Fabrizi ci hanno accompagnato con la massima semplicità, senza istituire nessuna gerarchia. Condividere scene con Valeria ed Elena Sofia, oltre ad essere un piacere, è formativo da molti punti di vista.

 

Come definiresti la quinta stagione di ‘’Che Dio ci aiuti?

Nella quarta serie, il genere della commedia era molto presente. Quest’anno, vorrei definire la quinta stagione come una stagione di maturità. Tutti i personaggi si trovano ad affrontare drammi interiori, grandi ferite e grandi punti interrogativi che devono essere risolti. Ognuno di noi cresce molto. L’apporto recitativo e vitale di Elena Sofia Ricci e Valeria Fabrizi ci ha permesso di recitare meglio e fare il nostro lavoro in maniera più organica.

 

Quali sono le difficoltà che affronterà il tuo personaggio quest’anno?

Il mio personaggio affronta l’assenza del personaggio di Monica. Diana Del Bufalo mi è molto mancata. Lo scorso anno abbiamo affrontato una serie molto divertente e complicata. Nel mio personaggio si noterà molto l’assenza che lascia Monica. Nei primi episodi parleremo di quanto contava e conta il personaggio di Monica per Nico e quante cose gli ha fatto capire. Monica c’è nonostante la sua assenza.
L’arrivo di Ginevra nella vita di Nico sarà molto particolare e importante. Credo sarà fondamentale e particolare il rapporto che si creerà, episodio dopo episodio, tra Ginevra e Nico.

 

In che modo il personaggio di Suor Angela, interpretato da Elena Sofia Ricci, aiuterà ogni personaggio?

Elena Sofia Ricci con il suo personaggio è il collante tra tutti noi e tra i vari personaggi. Suor Angela è l’acqua ossigenata che ci fa respirare e ci salva. Lei è quella che, attraverso la fede, ripara e cura le immense ferite che hanno i nostri personaggi. La sua missione è quella di riportarci al porto.

 

Nelle scorse settimane è uscito il videoclip ‘’Tutte le volte’’ del brano di Eman. Con Aurora Ruffino, interpretate e raccontate la storia d’amore tra Valeria e Dj Fabo. Cosa ha rappresentato per te, a livello emotivo e professionale, questo progetto?

Aurora Ruffino è un’attrice straordinaria, oltre ad essere una persona straordinaria. La sua interpretazione nel videoclip è stata il 70% di tutta la riuscita del progetto.
Il videoclip è ispirato alla storia di Dj Fabo e della sua compagna. Aurora ed io abbiamo voluto calarci all’intero di questa storia d’amore meravigliosa senza parlare di morte o di vita oltre alla morte. Abbiamo voluto celebrare la vita e parlare dell’amore. Il videoclip è stato girato da Mauro Lamanna e insieme abbiamo creato un set pazzesco di giovani ragazzi che vogliono lavorare insieme, fare cultura e raccontare storie a qualcuno che vuole ascoltarle.

 

Sappiamo che il teatro è il tuo primo grande amore. Quali sono i tuoi prossimi progetti?

Tornerò sul palco a Roma con un monologo chiamato ”L’ultimo giorno di un condannato a morte” tratto dall’opera di Victor Hugo.

 

 

Foto Ufficio Stampa LuxVide

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi