Top
Grotte di Castellana tra arte e cultura | Red Carpet Magazine

GROTTE DI CASTELLANA: CONTENITORE DI ARTE E CULTURA

Grotte da vivere.

Dalla scoperta delle Grotte di Castellana, era il 23 gennaio 1938, oltre 15 milioni di visitatori hanno potuto ammirare l’ineguagliabile lavoro millenario della natura.

Il 2016 sarà ricordato come un anno record dalla costituzione della società Grotte di Castellana: 310 mila visitatori ed oltre 400mila presenze grazie agli eventi promossi nell’ineguagliabile pantheon naturale della caverna della Grave.

Grotte da vivere, non solo da visitare, grazie allo spettacolo stanziale “Hell in the Cave”, e grazie ad eventi artistici e culturali che vedono le Grotte di Castellana come suggestivo ed ineguagliabile palcoscenico naturale: le rassegne “Natale nelle Grotte”, “Episodi”, il Festival dell’Arte Russa e il “SAFITER” Film Festival Internazionale del Cortometraggio.

Hell in the Cave: il più grande spettacolo aereo sotterraneo ispirato all'Inferno della Divina Commedia di Dante. In 7 anni "Hell in the Cave" ha collezionato oltre 200 repliche con una media di 250 spettatori, oltre 60mila contatti, un cast di oltre 50 artisti pugliesi; impianti audio e luci ecosostenibili.

Natale nelle Grotte: concerti esclusivi che hanno visto alternarsi sul palco ospiti come Baglioni, Bollani, Cristicchi, Paoli, Nada, Avion Travel, Ron, Giannini, Dire Straits Legacy, De Sica, Battiato e Finardi che è anche Direttore Artistico della rassegna.

Episodi: ciclo di incontri letterari realizzati in collaborazione con il Festival Il Libro Possibile, grazie alla quale sono stati ospitati Erri De Luca, Simonetta Agnello Horby, il premio nobel per la pace Shirin Ebadi, i filosofi Cacciari, Galimberti e Remo Bodei, oltre al politologo Paolo Mieli e il duo artistico Niccolò Fabi e Mario Tozzi.

Festival dell’Arte Russa: rassegna promossa in collaborazione con il Cesvir (Centro Economico di Sviluppo Italo Russo) che vede esibirsi nelle Grotte cori, cantanti e ballerini provenienti dalla Russia nell’ambito di un progetto di reciproca conoscenza fra la Puglia e la Russia.

SAFITER: il Film Festival Internazionale del Cortometraggio che in un viaggio itinerante prevede una tappa presso le Grotte di Castellana che negli scorsi anni ha visto giungere a Castellana attori e registi di fama nazionale come Marco D’Amore, Gianmarco Tognazzi, Veronica Pivetti e Massimo Wertmuller. Le Grotte hanno fanno da scenario alla proiezione dei film in concorso a cui è seguito il dibattito con il cast completo degli attori e registi.

Le Grotte di Castellana sono le prime grotte italiane accessibili proprio a tutti. 

Si organizzano – su prenotazione – visite su misura del viaggiatore: per qualsiasi tipo di disabilità (audiolesi, videolesi, persone con disabilità fisica, intellettiva o sensoriale).

Le visite sono gestite da personale preparato e formato proprio per questo tipo di visite speciali.

I partecipanti saranno guidati all’ascolto per esplorare ed accogliere con tutti i sensi la musicalità della

Natura

L’ambiente naturale delle Grotte è un luogo non solo fisico ma anche un luogo “nativo-affettivo” da scoprire in ogni pietra, in ogni roccia, in ogni goccia, in ogni forma.

Le visite sono gratuite per il portatore di disabilità, paga solo l’accompagnatore.

Info e prenotazioni: 080-4998221.

GROTTE DI CASTELLANA

 

Scoperte nel 1938 dallo speleologo Franco Anelli, le Grotte di Castellana – un complesso di cavità sotterranee di origine carsica, di notevole interesse turistico, tra i più belli e spettacolari d’Italia – sono ubicate nel Comune di Castellana-Grotte, a circa 1,5 km dall’abitato.

Si sviluppano per una lunghezza di 3348 metri e raggiungono una profondità massima di 122 metri dalla superficie. La temperatura degli ambienti interni si aggira attorno ai 16,5°C.

Situate alle porte della Valle d’Itria, a pochi chilometri da borghi incantevoli come Alberobello, Cisternino, Polignano a Mare, le Grotte di Castellana si aprono nelle Murge sud orientali – a 330 m s.l.m. – sull’altopiano calcareo formatosi nel Cretaceo superiore, circa novanta-cento milioni di anni fa.

La bellezza delle Grotte di Castellana richiama visitatori da tutto il mondo, e dal giorno della loro apertura al pubblico, più di 15 milioni di persone hanno percorso le sue vie sotterranee. La visita alle Grotte si snoda lungo un percorso di 3 Km: una straordinaria escursione guidata, a circa 70 metri di profondità, in uno scenario stupefacente, dove caverne dai nomi fantastici, canyon, profondi abissi, fossili, stalattiti, stalagmiti, concrezioni dalle forme incredibili e dai colori sorprendenti sollecitano la fantasia di bambini e adulti.

Le Grotte di Castellana sono, quindi, a pieno titolo, un’imperdibile occasione per ammirare uno dei luoghi naturali più sorprendenti di una Puglia meravigliosa.

Hell in the Cave

Il più grande spettacolo aereo sotterraneo del mondo Uno spettacolo che unisce danza, voci, suoni e luci nella scenografia naturale delle Grotte di Castellana.

Uno spettacolo di dimensioni macroscopiche, un allestimento multimediale grandioso, capace di abbracciare l’intero ambiente naturale come spazio scenico, dove le dinamiche teatrali innovative cattureranno il pubblico per condurlo in una straordinaria avventura nell’Inferno della Divina Commedia di Dante. Il più grande spettacolo stanziale di Puglia che prende vita fra le splendide concrezioni carsiche.

Numeri da record: in 7 anni “Hell in the Cave” ha collezionato oltre 200 repliche con una media di 250 spettatori, oltre 60mila contatti, un cast di oltre 50 artisti pugliesi. Impianti audio e luci ecosostenibili con l’ambiente carsico che ospita la messa in scena.

Speleonight

Visita le Grotte di Castellana come un vero esploratore Speleonight è un’esclusiva visita emozionale delle Grotte di Castellana, al buio, che si effettua dopo la chiusura al pubblico, per gruppi composti da almeno 15 persone.

I visitatori sono equipaggiati con casco, bomboletta ed illuminazione ad acetilene: questo serve a mostrare lungo la passeggiata, i colori, le sensazioni e le emozioni vissute dai primi esploratori.

Le esperte guide speleologiche guidano i partecipanti in un’escursione unica, nel corso della quale si potranno ascoltare i suoni delle Grotte e scorgerne e osservarne la fauna che la popola, o provare intense emozioni, come procedere in solitudine per un tratto del sito carsico fino a giungere alla meraviglia della splendente Grotta Bianca.

Osservatorio Astronomico Sirio

Il complesso delle Grotte di Castellana ospita un polo scientifico di primo livello: sul fronte speleologico presso il Museo Franco Anelli; e astronomico grazie alla presenza dell’Osservatorio Astronomico SIRIO diretto dal prof. Nicola Rizzi.

L’Osservatorio è nato nel 2000 su proposta del prof. Nicola Rizzi, responsabile delle attività che si svolgono presso la suddetta struttura, attività finalizzate alla divulgazione, alla didattica e alla ricerca per uso pubblico. Le esperienze realizzate dal 2000 con le scuole e i turisti hanno reso evidenti le potenzialità culturali e, conseguentemente, di richiamo turistico qualificato dell’opera.

Una visita alle Grotte di Castellana non rappresenta solo la possibilità di calarsi nel magico sottosuolo della crosta terrestre, ma da l’opportunità di spingere lo sguardo anche al di fuori del nostro stesso pianeta, nello spazio cosmico.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi