Top
Red Carpet Magazine

IVANA LOLITO AL SOCIAL WORLD FILM FESTIVAL «L’arte e le sue connessioni» di Anna Chiara Delle Donne

Il pubblico ha amato da sempre Ivana Lotito per il personaggio di Azzurra nella serie di grande successo ‘Gomorra’. Ma Ivana colpisce, sin da subito, nella prima giornata del Social World Film Festival per la verità diretta e naturale che porta con sé.  Le parole che pronuncia diventano di colpo umane, tangibili, intatte e arrivano dritte nella mente e nello sguardo di chi le ascolta.

«È la prima volta per me essere qui al Social World Film Festival. Mi riempie di orgoglio perché la Campania è una terra che sto frequentando moltissimo negli ultimi anni. Ricevere affetto da questo popolo che mi ha sempre accolto con grande generosità, mi rende molto felice. Sono stata un po’ adottata da questa terra. In tanti mi chiedono se sono napoletana, non lo sono ma mi rispecchio moltissimo in questa terra e in questo popolo. Ho imparato felicemente ad amare questa terra. La Campania è diventata  una parte di me, mi sento molto di appartenere a questo territorio». Queste sono le prime parole che arrivano dritte al cuore, in sala stampa, e che Ivana Lotito con eleganza tiene a pronunciare.

Red Carpet MagazineRed Carpet MagazineCome può il Cinema essere utile socialmente per le persone? Ivana non ha dubbi: «Con l’arte, il cinema e la tv è importante edificare le coscienze, stimolare un pensiero critico in un momento come questo nel quale si è fragili e vulnerabili. Si rischia di ascoltare delle voci che provengono dall’alto e che spesso parlano di odio e terrore. È fondamentale avere una propria coscienza, un proprio pensiero. Questo si può avere quando siamo in confronto con l’altro. Il Cinema è una grandissima occasione di confronto con le persone. È uno sguardo sul mondo molto delicato e profondo, grazie a nuovi racconti e storie. Il Cinema è una materia di conoscenza nel quale ciascuno di noi può avere delle emozioni che vibrano».

Il Social World Film Festival ha permesso all’attrice di conoscere Itziar Ituño, la star de ‘La Casa di Carta’, Ivana ha così voluto raccontare il privilegio degli incontri che un festival del genere permette: «Per noi attori, queste esperienze sono occasioni di incontro, ma anche di connessioni. Vivere nel proprio microcosmo è poco funzionale. Potersi rapportare anche ad altri colleghi, ad altre sensibilità, ad altri modi di lavorare diventa molto stimolante. Ho passato la serata con Itziar ed è stato fantastico. Ci siamo volute bene sin da subito perché abbiamo recepito delle cose molto simili. Sono molto contenta che ci sia la possibilità di parlare di cinema, di creare delle connessioni tra esseri umani».

Il tema del Social World Film Festival è il viaggio, ai nostri microfoni, Ivana ha voluto pensare al tema del viaggio, raccontando: «Quando penso alla parola ‘viaggio’ penso a quelli fatti con la mia famiglia, quelli di lavoro, a quelli fatti quando ero più giovane. E poi, penso a quelli che ancora non ho fatto, in luoghi che vorrei conoscere; a quelli che le persone fanno verso di noi. La parola ‘viaggio’ è qualcosa di infinito».

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi