Top

MATTEO MARTARI

«Recitare mi fa sentire vivo»

Intervista a Matteo Martari che si prepara ad essere uno dei protagonisti della stagione televisiva di quest’anno con la serie di successo “I bastardi di Pizzofalcone” e la serie internazionale “I Medici – Lorenzo il Magnific”.

Possiamo avere tutti i mezzi di comunicazione del mondo ma assolutamente niente sostituisce lo sguardo dell’essere umano, afferma lo scrittore Paulo Coelho. Questa è la frase perfetta per descrivere un attore come Matteo Martari che ha fatto del suo sguardo intenso, tenebroso e reale il suo biglietto da visita per comunicare la sua arte indiscussa. Quest’anno l’attore apre la stagione televisiva portando in tv un nuovo e inedito personaggio, nella seconda stagione della serie di successo I Bastardi di Pizzofalcone. Poi, sarà uno dei nuovi personaggi della serie internazionale de I Medici – Lorenzo il Magnifico. La comunicazione non verbale rappresenta tutto per la sua vita e la recitazione è ciò che lo rende, da sempre, vivo.

 Anna Chiara Delle Donne

 

Benvenuto, Matteo. Sei nel cast della seconda stagione delle serie tv “I Bastardi di Pizzofalcone 2”. Cosa ha rappresentato per te essere in una serie tratta dai romanzi di Maurizio De Giovanni? 

È stata un’esperienza formidabile. Lavorare con un cast d’eccellenza, diretti da un grande regista come Alessandro D’Alatri. Mea culpa, non conoscevo Maurizio De Giovanni prima di entrare nel cast de “I bastardi”. Poi, preso il ruolo, ho letto “Pane”, da lì non mi sono più fermato. A quel punto ho realizzato l’onore che ho avuto ad interpretare uno dei suoi personaggi.

Ph Alessandro Rabboni

Crediti: Ufficio Stampa Rubik Comunicazione

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi