Top

MICHELLE MARIE CASTIELLO

Una giovane donna imprenditrice, prende le redini di una radio storica e la trasforma in un nuovo successo grazie a scelte audaci e sempre rivolte alla qualità. Michelle Marie Castiello si dichiara figlia d’arte con la grande responsabilità di non deludere un papà che la sta guardando dal cielo.

di Umberto Garibaldi

 

Come e quando è nata RID 96.8?
Il 17 ottobre 2016 la frequenza 96.8 FM apriva per la prima volta i microfoni passando da Radio incontro Italia a Radio incontro Donna. Dopo la morte di mio padre (Pino Castiello, storico editore della Capitale) ho sentito l’esigenza di dare seguito al lavoro che lui aveva portato avanti per una vita, non volevo che quello che lui aveva creato si spegnesse. Così pensai ad un progetto: volevo arricchire la cultura delle persone con leggerezza per riportare la radio alla sua vecchia e vera identità con grandissimo rispetto. Informazione, contenuti specifici, interviste mirate e divertimento tutti all’interno di un unico palinsesto radiofonico con una scelta musicale di alto livello senza l’ossessione di seguire per forza le mode. Inoltre la grande differenza è che ho scelto esperti nel settore che ho fatto diventare speaker oltre alla selezio-natissima scelta dei personaggi. Il progetto Radio Incontro Donna, ora RID 96.8 fm (preferiamo usare l’acronimo in modo che nessuno si senta escluso) è nato proprio così, dall’esigenza di continuare il percorso di famiglia e dalla dote di talent scout che ho ereditato da mio padre.

Spiegati meglio, come hai composto quindi il palinsesto della tua radio?
Ho creato il palinsesto di RID 96.8 basandolo per lo più sullo schema degli opposti tra i conduttori radiofonici perché l’interazione è maggiore ed è stata mia capacità trovare le persone adatte. Per gli speaker solitari ho scelto grandi caratteri e personalità. Tutte le mattine iniziamo alle 7 dando spazio nelle prime due ore all’allegria del “Morning Smile” programma dedicato a mio padre, che vi assicura il sorriso del mattino. Musica allegra con spezzoni di film cult italiani. A seguire dalle 9 alle 12 si alternano gli speaker Hoara Borselli, Michela Bonafoni e Beppe Convertini nel programma Attualmente Diverso, loro si occupano della rassegna stampa, delle problematiche sociali, di famiglia e di inclusione dando sostegno e spunti di riflessione. L’orario dalle 12 alle 14 tutta la settimana è dedicato al corpo: benessere, sport, medicina, cibo, moda. Il lunedì e il venerdì abbiamo le ragazze tutte matte ma preparatissime di Sempre più in Forma: Virginia Imbriani personal trainer, Stefania Santoro naturopata e proprietaria del negozio Naturadiffusa, Alessia degli Angioli insegnante di Yoga. Il martedì e giovedì Daria Salvadori del Prato (voce ufficiale di RID 96.8) e Francesca Mercantini (Sommelier) con i loro programmi In the City ci portano a spasso tra l’enogastronomia, il food-trend, i viaggi e le pillole di beauty. Solo il Mercoledi con Modus Modi viene vestito il corpo con la trasmissione dedicata al mondo della moda, con la partecipazione della giornalista Fabiana Giacomotti. Il morning si ripete alle 14 fino alle 15 con il nome Happy Lunch. Le successive ore dalle 15 alle 17 sono dedicate agli stili di vita e alle nostre passioni. Parlano della Nightlife e tutto il suo mondo Stefano Noni e la DJ Ameliée nel programma C’est la Vie, mentre il martedì queste due ore sono dedicate alle domande del mondo legislativo: ho scelto di riservare per la prima volta in Italia, uno spazio aperto a questo argomento, mettendo al microfono l’avvocato Stefania De Bellis nel format “L’avvocato risponde” parlando di tutte le problematiche relative alla sfera famigliare, delle aziende, ma anche della vita politica (ad es. spiegazione dei temi quali “rottamazione cartelle”, “referendum” etc.). Il mercoledì al timone di Incidentalis Arte troviamo la voce di Janet De Nardis che ci parla di mostre, di nuove tendenze dell’arte tradizionale e delle realtà del web con gli influencer e i creativi più amati dai Millennials e non solo; sempre il mercoledì Très Chic vede la conduzione della Duchessa Maria Consiglio Visco Marigliano che ci racconta la vita dell’aristocrazia: vezzi e curiosità ma anche bon ton e i segreti del buon ricevere. Il giovedì lasciamo spazio ovviamente al cinema: La Brest ed Emanuele Zambon alle prese con i dietro le quinte, ma anche curiosità, recensioni e consigli sui film da non perdere sul grande schermo. È tornato il momento di alleggerirci durante il drive time, infatti la settimana si apre e si chiude con I teletrombati, format a cura del comico Hermes Greco che con la sua squadra di simpaticoni ed imitatori assicura risate in tutte le auto. Il martedì e il giovedì spazio a Green is the color con Marco Di Buono, perché di ecologia, impatto ambientale, mondo Bio, riciclo e mondo animale si può parlare anche in modo leggero (ascoltateci per scoprirlo). Il venerdì si apre con Moreno Amantini con il suo Tutta un’altra storia: attualità costume e società. Dal gossip alle segnalazioni dei cittadini sui disservizi della città, un programma leggero eppure di grande spessore. In una radio non può mancare un programma sulla musica e questo compito spetta a Trilly (Tiziana Campanella) e Susanna Vianello con il loro Altrimenti in musica, venerdì dalle 15 alle 17 e Curiosando il sabato dalle 9 alle 13. Con loro si potrà ascoltare la musica a 360 gradi, oltre che conoscere gli artisti emergenti tra le curiosità della rete e non solo. Infine il palinsesto di RID 96.8 ci delizia tutti i giorni dalle 19 alle 21 con il sunset session, 2 ore di musica disco funky-house-jazz che accompagna all’aperitivo.

Come ti sei sentita ad intraprendere questa strada?
Essere un editore donna di certo non è stato facile, anche per il cognome che porto. Un’eredità davvero importante in questo mondo soprattutto agli inizi, quando mi trovavo di fronte le facce stupite degli addetti ai lavori nel vedere una giovane donna, bionda e con le idee molto chiare su quello che voleva. Questa è stata la mia sfida, non solo nei confronti del genere maschile, ma soprattutto verso noi donne, per dimostrare che possiamo lavorare insieme e possiamo fare squadra, perché dobbiamo prendere consapevolezza di avere una marcia in più senza nulla togliere all’altro sesso. Ho voluto poi integrare il mondo maschile per essere completa perché ci sono uomini che hanno una sensibilità o un’allegria che le donne non hanno e va comunque evidenziata. A loro ho lasciato soprattutto la parte goliardica e pare che siano soddisfatti!

Come hai formato la tua squadra di speaker?
Vi ho già detto di aver ricevuto da mio padre la sua dote di talent scout, un’eredità preziosissima. Questo mi permette di vedere la particolare luce che c’è dentro ogni persona, di capire qual è il suo talento ed aiutarlo ad esprimerlo al meglio. È questo che mi ha permesso in questi quasi 3 anni di costruire una squadra di cui vado orgogliosa oltre che per le qualità professionali soprattutto per quelle umane, perché il nostro spirito è quello di una famiglia, e come in una vera famiglia tutti si aiutano per il bene degli altri, senza protagonismi o invidie di sorta, la parola d’ordine è “umiltà”. Ho dovuto combattere per questo mio ideale ma ora devo dire che la famiglia RID ha finalmente trovato il suo equilibrio meraviglioso.

Cos’altro ci dobbiamo aspettare da questo progetto giunto alla terza stagione?
Per una start up portare a compimento in maniera soddisfacente il primo triennio è il traguardo più importante, soprattutto in un periodo storico così difficile per l’economia del Paese e per quella di settore. Essendo però figlia di una tedesca e di un napoletano, ho la giusta “cazzimma” per affrontare ogni nuova sfida. Per il futuro mi piacerebbe portare i miei speaker in video, aprendo le porte di RID 96.8 FM alla TV in modo da far assaporare agli ascoltatori il clima che si respira nella nostra grande famiglia. Ma ripeto che è importante tenere i piedi ben saldi e portiamo a termine la terza stagione mantenendo alti i nostri standard. A Giugno 2019 grandi decisioni ed eventuali cambiamenti. Intanto il ringraziamento più sentito va a mia madre Beate Rosmarie Kleimann che ha reso possibile tutto questo e a mio padre che ha creduto in me. GRAZIE!

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi