Top

“NASCA FINA” – I viaggi olfattivi di Giuseppe Arnone

Victor Hugo affermava che nulla risveglia un ricordo quanto un odore. Giuseppe Arnone vive e crea i suoi profumi grazie agli odori che inebriano la mente ed il cuore. È nei luoghi della sua infanzia che rivivono le sensazioni e le persone che ispirano ogni sua singola memoria olfattiva, un bagaglio di esperienze che egli stesso trasforma sapientemente in profumi che seducono l’anima di chi li indossa. Affermato imprenditore nell’industria dei detergenti con la sua azienda Chimiclean e maestro profumiere appassionato, vive una vera e propria devozione all’arte del profumo.

di Giuseppe Savarino

 

Chi è, oggi, Giuseppe Arnone?
Sono un imprenditore che da trentaquattro anni crede in tutto ciò che ha realizzato. L’azienda che ho sviluppato in questi anni è diventata importante ed è rappresentativa a livello internazionale. Ho sempre avuto una grande volontà di creare qualcosa di diverso e mi sono sempre ispirato alla parte olfattiva del prodotto. Ho sempre coltivato sempre la passione per gli odori della natura, grazie anche al luogo da cui provengo. Ho scoperto sostanze, materie prime che fanno parte del mondo che uso nei miei prodotti…

A che cosa pensa quando crea un profumo?
Le prima cose a cui penso sono i colori che questo profumo deve avere, alla stagionalità e a quando potrà essere indossato. Penso alla sua forma e alla persona che lo indosserà andando a interpretare ogni sfumatura di questa. Strutturo un corpo, un cuore ed una testa per ogni mio profumo come una forma organica che si trasforma durante la giornata, ma che lascia sempre un’impronta precisa e inconfondibile.

Qual è l’input che fa sì che la aiuti a materializzare un profumo?
La profondità, l’orizzonte. È qualcosa di lontano e irraggiungibile che mi permette di creare e immaginare. Con le mie creazioni mi proietto verso l’infinito, voglio arrivare al di là di quello che l’occhio riesce a vedere.

C’è una musa ispiratrice oppure un luogo che la aiuta nella creazione dei suoi profumi?
Quando creo un profumo mi capita di vivere un momento di ricordi, di sensazioni già vissute che vorrei riprovare nello stesso modo con la viva intensità di come sono state vissute la prima volta.
Di che cosa parlano i suoi profumi?
Parlano di sensualità, di amore, di passione, sentimenti, energia, avventura e unicità.

Mi racconti il viaggio olfattivo più bello?
Spesso mi piace andare in riva al mare in pieno inverno quando le onde trasportano una particolare nota di ozono molto forte e le alghe cominciano a giacere sulla battigia. Si sente l’odore della sabbia. Tutto ciò mi riporta in una dimensione magica e in quel momento rivivo sensazioni che provengono dal mare e dai viaggi nel deserto.

Quale è il profumo che non ha ancora creato?
È quello di quando ci si innamora per la prima volta, di quelle sensazioni straordinarie, quell’energia galvanizzante che fa vibrare il corpo e l’anima. Riuscire a ricreare un profumo che riporti all’emozione del primo innamoramento sarebbe qualcosa che mi piacerebbe fare e ci sto lavorando.
Come immagina l’evoluzione della profumeria?
La immagino come un cambiamento effettivo. Chi desidera un profumo deve crearselo da solo. Il profumiere deve essere un consulente che guida in questo percorso. Ognuno deve seguire il proprio piacere olfattivo individuando quale sono le sostanze che possono far star bene. Un concetto sur mesure che sia lo specchio della propria anima e del proprio carattere.

Il profumo che ha segnato la sua memoria?
Il profumo che indossavano mio nonno e mio padre dal loro barbiere. Era un profumo con note fresche speziate e sfumature agrumate. Associo questo profumo al ricordo di quando mio padre mi salutava con un gesto affettuoso ogni mattina prima che andasse al lavoro. Sono imprinting olfattivi che ci fanno stare bene e ci riportano nei meandri felici della nostra memoria.

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi