di Gino Morabito

«Chi fa film, chi racconta storie, investe tutta la propria vita»

Una carriera cominciata come assistente di Nanni Moretti nel 1984, poi la stessa Sacher gli produce il primo lungometraggio. Da quel momento, la cronaca su pellicola di un successo annunciato: Il Portaborse, La scuola, Anni felici, Momenti di trascurabile felicità. Quando racconta del suo mestiere, Daniele Luchetti parla sempre al plurale. Lo fa perché crede nell’importanza del gruppo, perché non divide, perché commerciale e autoriale vanno insieme. Lo fa perché i sentimenti sono sentimenti comuni, appartengono a tutti.

Dopo il successo di Lacci, Daniele Luchetti firma la regia dell’attesissimo terzo capitolo della serie dedicata alla storia nata dalla penna della scrittrice italiana Elena Ferrante: quattro serate evento dedicate a L’amica geniale, sul piccolo schermo all’inizio del 2022.


Me l’hanno proposto mentre stavo finendo Lacci. Essere chiamato a dirigere L’amica geniale mi ha ricordato un sogno che facevo spesso da ragazzino: essere a un concerto rock, vedere il batterista andare via e venire scelto tra il pubblico per sedermi a suonare al suo posto. È successo esattamente lo stesso! Sono sempre stato un ammiratore dei romanzi e della serie tivù, adesso vivo l’emozione di continuare ad eseguire lo spartito suonato da Saverio Costanzo.


Sullo sfondo c’è Napoli.


Nel film Lacci è accennata. Si vede e non si vede. Alcuni degli attori non sono nemmeno napoletani. Ma resiste qualcosa di carnale, di violento; qualcosa che comunque arriva nel tessuto del racconto. Ne L’amica geniale, invece, Napoli entra completamente nella storia: è imprevedibile, non pittoresca, più sanguigna, con un punto di vista più femminile.


Chi fa film, chi racconta storie, investe completamente sé stesso. Non è solo un anno di vita: è tutta la propria vita.


Accettiamo l’esposizione pubblica, sapendo benissimo che tutti hanno il diritto di dire quello che pensano, hanno il diritto di sputarci addosso o di osannarci. Ma cerchiamo sempre di fare il nostro meglio e ci aspettiamo attenzione. Con gli anni ho imparato a dividere le critiche in attente e disattente: se in una critica c’è attenzione, anche se è negativa, sono contento e la accetto.


“Per piacere, una corda e un nodo scorsoio. Domando di essere impiccato anch’io come Fabrizio Carini, l’intellettuale ipercritico di Otto ½”, recita una critica apparsa su Epoca del ‘63.


Federico Fellini è una sorta di figura che accompagna ogni studente universitario e per un regista diventa inevitabilmente un modello. È incredibile quanto fosse avanti rispetto ad altri e di come sia irripetibile il suo processo creativo. Ho avuto anche la fortuna di conoscerlo. Oggi, con un occhio distaccato, potrei vederne anche i limiti, ma è innegabile che alcuni dei suoi film siano dei miracoli perfetti.


Piccoli frammenti di esistenza cristallizzati in quell’unico istante scorrono vividi lungo la colonna sonora della vita.


Mi ricordo quando imparavamo a suonare Lucio Battisti con le chitarre, nel cortile del liceo; quando ho ascoltato per la prima volta Le nozze di Figaro di Mozart in cuffia, mentre ero in macchina, e pensavo di svenire per il piacere; quando, da ragazzo, ho passato il capodanno a vedere Archie Shepp, un sassofonista d’avanguardia che faceva una musica insopportabile ma che a me piaceva.
Perché, a quindici anni, tutto quello che era difficile mi sembrava bello. E poi ancora, quando una volta, ho avuto la fortuna di ascoltare Ennio Morricone che provava da solo all’Auditorium: era professionale e allo stesso tempo percepivo il suo bisogno di una pacca sulla spalla, che qualcuno gli dicesse che quello che aveva fatto era un capolavoro.

Leggi l’articolo completo sul numero di Marzo/Aprile 2022 di Red Carpet Magazine