Top

Prendi l’Arte e non metterla da parte

Gli appuntamenti di aprile e maggio da non perdere

di Maria Lucia Tangorra

 

Cinema

Bif&st – Bari International Film Festival, a Bari, dal 21 al 28 aprile. «Sono molte migliaia i giovani, e non solo, che attendono con curiosità e trepidazione le novità proposte dal Bif&st e che poi seguiranno le centinaia di proiezioni ed eventi che caratterizzano questa imponente e popolare festa del grande cinema italiano e internazionale. La straordinaria partecipazione di pubblico, che si mette in coda dalle prime ore del mattino sino a tarda notte per assistere agli appuntamenti in programma, è il vero fenomeno di questa manifestazione convintamente sostenuta dalla Regione Puglia», ha dichiarato il governatore Michele Emiliano.

Giunto alla sua nona edizione, il Bif&st è riuscito a conquistare il pubblico locale – e non – merito anche della capacità di rispondere alla voglia di cinema dei cittadini. Il 28 sera si chiude con l’anteprima mondiale di “Ultimo tango a Parigi” nell’edizione restaurata in 4k dal maestro della fotografia Vittorio Storaro per la Cineteca Nazionale del Centro Sperimentale di Cinematografia (l’uscita in sala è prevista a maggio).

Molto affollate sono le lezioni di cinema che si svolgono presso il Teatro Petruzzelli: quest’anno tocca a personalità come Pippo Baudo, Bernardo Bertolucci, Pierfrancesco Favino, Pippo Baudo, Mario Martone, Micaela Ramazzotti e lo stesso Storaro. Non mancherà l’attenzione verso le opere prime e seconde targate made in Italy e tre rassegne si aggiungono al ricco programma (consultabile sul sito ufficiale a partire dal 13 aprile 2018): “Cinema & Arte” (è prevista l’anteprima mondiale di “Le memorie di Giorgio Vasari: un artista toscano” di Luca Verdone); “Cinema & Musica” dove saranno presentati quattro film musicati dal maestro Luis Bacalov, recentemente scomparso e “Cinema & Medicina”. «Così come il cinema ha raccontato la sofferenza, la malattia, i successi, le gioie e le tragedie, la medicina ha veicolato i propri successi, le proprie incertezze, i dubbi e le certezze attraverso quello che resta uno dei più formidabili mezzi di diffusione della cultura», ha sottolineato Nicola Laforgia (Direttore Neonatologia Università) ed è proprio partendo da questa consapevolezza che si è pensato al suddetto binomio.

La retrospettiva del 2018 è dedicata a Marco Ferreri, di cui è prevista la proiezione di circa 25 lungometraggi, oltre a corti e documentari sia diretti dallo stesso regista che su di lui. Non mancherà la mostra fotografica a tema intorno al Petruzzelli.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi