Top

Sotto il Sole di Riccione, il film Netflix firmato da Enrico Vanzina: “L’ho fatto per Carlo”

Enrico e Carlo Vanzina con “Sapore di Mare” hanno firmato un cult nella storia del cinema italiano, un film che ancora oggi viene ricordato con grande affetto e di cui “Sotto il sole di Riccione” in uscita su Netflix sembra essere l’erede naturale dei giorni nostri. Enrico Vanzina firma la sceneggiatura di una commedia fresca, che data anche la situazione anomala del nostro paese causa coronavirus scatenerà in noi la nostalgia per concerti e feste.  Noi abbiamo partecipato ad un incontro virtuale proprio per via delle attuali misure di sicurezza con Enrico Vanzina, i registi Younuts e il resto di un ricchissimo cast.

”Sotto il sole di Riccione” come detto  è soprattutto un omaggio al compianto fratello Carlo, che ci ha lasciato ormai due anni fa: “Quando Netflix mi ha chiesto di sviluppare un cilm dalla canzone sotto il sole di riccione ho accettato perché prima di tutto è un omaggio cinematografico a mio fratello. Ogni volts che scrivevo una scena pensavo a come l’avrebbe fatta lui, per questo ci ho messo più tempo. Abbiamo cercato di raccontare l’Italia di oggi per far dire alle persone quanto sia bella la vita”, ha spiegato lo storico sceneggiatore di tante commedie di successo.

Carlo Vanzina è stato ricordato con affetto anche da Isabella Ferrari, che proprio con quel “Sapore di Mare” ebbe il primo grande iconico ruolo di una carriera diventata negli anni sinonimo di eleganza e bravura su piccolo e grande schermo: “Sapore di Mare è il film che ho fatto ed ha fatto cambiare il corso della mia vita per sempre. Avrei sempre tanto da dire, non dimenticherò mai il giorno sul set nei panni di selvaggia con la paura di non essere all’altezza. È stato il mio romanzo di formazione, dopo 35 anni la telefonata di Enrico con un copione su questa storia scegliere di farlo è stato un omaggio al film e a Carlo che ci aveva lasciato un anno prima. Abbiamo chiuso un cerchio con leggerezza”.

Sotto il sole di Riccione e quell’estate da sempre romanzo di formazione

Sotto il sole di riccione , carlo Vanzina

Sotto il sole di riccione , carlo Vanzina

Enrico Vanzina si sofferma poi sull’estate, tanto amata nei suoi film passati e sempre musa ispiratrice per il racconto di avventure sorprendenti: Un grande sceneggiatore, Leo Benvenuti, mi disse mentre scrivevamo I Mitici insieme uscendo dalla riunione che la vita è formata da 20 estati utili, questa è una frase straordinaria e vera. In 20 estati succede tutto e capiamo cosa ne sarà di noi. L’estate è un romanzo di formazione, il film inizia con dei ragazzi che poi alla fine diventano grandi. I ragazzi di Sapore di Mare e della mia generazione pensavano che tutto fosse possibile, ora invece si autoflagellano troppo e questo è sbagliato”.

Sotto il sole di Riccione, gli Yonuts

Sotto il sole di Riccione, gli Yonuts

La regia è firmata dagli Younuts, che dopo i videoclip musicali tra cui proprio quelli dei TheGironalisti di Tommaso Paradiso hanno fatto un salto non indifferente: “È stato un onore poter lavorare con un artista del calibro di Enrico Vanzina per il nostro primo film. La nostalgia é un sentimento che conosciamo molto bene, noi siamo grandi appassionati degli anni ‘80 per questo c’è comunque tanto Sapore di Mare in Sotto il Sole di Riccione. Nel film abbiamo provato a dare un messaggio nostalgico anche con le location, i costumi, la musica e la fotografia. L’estate poi con la sua magia porta sempre quel senso di nostalgia è quel velo di malinconia”.

Sotto il sole di Riccione con i “vecchi”…

Sotto Il sole di Riccione Luca Ward

Sotto Il sole di Riccione Luca Ward


Luca Ward
da veterano del set ha lodato i giovani interpreti e i registi alle prime armi, soffermandosi poi sulle differenze sostanziali tra la sua e le nuove generazioni: “Io sono padre di tre figli di età diverse, all’epoca c’erano delle visioni e dei progetti in avanti. Oggi questi ragazzi li fanno crescere con paura e incertezze. Non c’è visione, non c’è un progetto”, poi via ai paragoni “Noi avevamo un mondo davanti. Noi eravamo liberi in modo senza casco, senza cinture, senza limiti e non ti arrestavano per un fuoco sulla spiaggia. Noi eravamo quelli che rimorchiavano fischiando dal finestrino della macchina, ora si rimorchia sui social e poi dal vivo crolla tutto. I media anche devono cercare di aiutare i giovani per dare loro una prospettiva. Quest’anno mettici Covid e mascherina se questi non si sparano é una fortuna”.

Sotto Il sole di Riccione Isabella Ferrari

Sotto Il sole di Riccione Isabella Ferrari

Sicuramente apprensiva nel film è la madre interpretata da Isabella Ferrari, che più volte il personaggio dello stesso Luca Ward tenta di tranquillizzare: “La mia è una madre che conosco perché apprensiva, ossessiva, ma anche complice. Non ho fatto nessuna fatica nell’affrontare il ruolo avendo uno sguardo lontano e vicino”.

Sotto il sole di Riccione Andrea Roncato

Sotto il sole di Riccione Andrea Roncato

Andrea Roncato è invece nei panni di un ex bagnino rimorchione, quasi un nuovo Loris Batacchi che però nasconde una parte decisamente romantica: “Questa è stata la mia estate più utile, finalmente ho lavorato con Enrico Vanzina dopo che c’eravamo solo sfiorato in passato. Ho ripensato un po’ ai bagnini che avevo fatto in passato, che erano vitelloni romagnoli molto maschilisti. Questo però non è così, perché alla fine racconta alcune storie questo personaggio si riscatta molto in questo film ed è l’aspetto che mi piace di più. Lui ha la casa tappezzata di donne ma si scopre grazie ai ragazzi che lo fanno sentire importante lo nobilitano un po’. Lui ha soprattutto vuoto e ricordi. Ora gli è rimasto solo il rimpianto del vero amore”.

…e con i giovani

Sotto il sole di Riccione Cristiano Caccamo e Claudia Tranchese

Sotto il sole di Riccione Cristiano Caccamo e Claudia Tranchese

Oltre alla vecchia guardia Sotto il Sole di Riccione ha un cast giovane e frizzante, composto da volti già noti per il pubblico. Uno su tutti è Giovanni Caccamo, amatissimo dal pubblico Rai per “Che dio ci aiuti” e qui nei panni di un bagnino con il cuore abbastanza confuso: “Credo che tutti noi abbiamo provato a rimettere delle sensazioni che abbiamo già vissuto, anche perché siamo già nella fase oltre l’adolescenza non avendo più 17 anni”, soffermandosi poi anche lui sull’effetto nostalgia “Apriamo una finestra del ricordo per chi ha vissuto le sensazioni di Sapore di Mare, ma magari mostriamo anche ai più giovani che cosa voglia dire passare un’estate italiana. Io ricordo le mie con le canzoni del Festival Bar”.

Nel film il suo bagnino perde la testa per la migliore amica della fidanzata, interpretata da Claudia Tranchese in un incrocio altamente esplosivo: “A me fortunatamente non è mai successa nella vita una cosa del genere – confessa con un sorriso – In Sotto il sole di Riccione cambia il linguaggio dei sentimenti, che restano gli stessi di Sapore di Mare. Poi per me l’estate ha sempre avuto il volto di Selvaggia, per questo ero felice di lavorare con Isabella Ferrari. Credo che la cosa importante sia stata trovare la giusta misura, nel film questo aspetto è stato introdotto in modo naturale. Magari quando vai fuori città davvero scarichi una app per fare amicizia, credo che tutto stia nella misura di come fai le cose. Se è l’unico strumento è un problema”.

Sotto il sole di Riccione, Ludovica Martino e Lorenzo Zurzolo

Sotto il sole di Riccione, Ludovica Martino e Lorenzo Zurzolo

Ludovica Martino è ormai di casa su Netflix, in particolare dopo lo straordinario successo di SKAM ed è pronta a conquistare tutti anche con la sua dolce Camilla in un messaggio universale: “Quando parli di amore e amicizia tutti possono ritrovarsi, specie quando parli a qualcuno che non ha ancora compiuto 20 anni”, mentre sui social è più dura “Penso che siano importanti per la condivisione, anche nella pandemia ci hanno aiutato con l’essere sempre connessi. Nel momento in cui questa cosa sfocia in altro e in una quasi malattia non va bene e ti fa allontanare. Secondo me è il dramma del nostro secolo”.

L’altro volto noto di Sotto il sole di Riccione è sicuramente Lorenzo Zurzolo, già apprezzato in Baby. Qui interpretata un ragazzo cieco, sicuramente il suo è stato il ruolo più complesso da preparare: “Ero consapevole che era il ruolo più delicato, ma mi sono tanto affezionato. Questo personaggio racconta uno dei messaggi più belli del film. Noi ragazzi allontaniamo i diversi, lui invece con la sua gioia interiore si comporta in modo diverso”, confermando poi come il messaggio di amore e amicizia permetterà a Sotto il Sole di Riccione di essere apprezzato anche fuori dall’Italia sugli altri 190 paesi in cui Netflix è attivo.

Fotini Peluso è invece la ragazza snob, che però compie il percorso di crescita più sorprendente: “Il mio personaggio era laterale così come la storia d’amore, poi pian piano è cresciuto. È stato bello raccontare una tipica estate italiana con sole, amici, amore e caciara”, poi difende i giovani dalle tante critiche in tempo di Covid-19 “Attaccare i giovani è la cosa più semplice, in realtà credo che tutti dovremo fare dei sacrifici pesanti per questa estate. Questi sono sacrifici da fare per un bene comune”.

Tutti concordano che Tommaso Paradiso, che compare nel film durante il concerto dei TheGiornalisti è un simpaticone, anche se la vera pr era un’altra per il “cast young”: “Isabella Ferrari ogni sera spingeva per farci uscire tutti insieme a divertirci, magari per bere o mangiare una cosa. Lei è stata davvero sorprendente con tutti noi”.

Dal 1 luglio anche voi potrete divertirvi su Netflix con il cast di Sotto il Sole di Riccione, magari con un sorriso soltanto accennato dalla malinconia per un’estate che si prospetta con pochi balli e poca caciara. Per rivivere una tipica estate italiana dovremo probabilmente attendere il prossimo anno.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi