Top
Red Carpet Magazine

U SULE, LU MARE, LU IENTU – NON SOLO SALENTO di Umberto Garibaldi

Viaggio alla scoperta delle più belle spiagge pugliesi

L’estate è arrivata! Il caldo impone la classica domanda di rito: in quali spiagge passare un weekend o qualche settimana di vacanza?

Affacciata sia sul Mar Ionio che sull’Adriatico, con quasi 800 Km di costa, la Puglia fornisce molte risposte. Grazie alle numerose località dove poter godere della luce, dei sapori, dei profumi e della vera essenza della bella stagione e alla vitalità anche dei più piccoli paesi che, quasi in fila l’uno dopo l’altro sulla costa, si animano, soprattutto d’estate, rivivendo le numerose tradizioni locali e le antiche feste religiose, caratterizzate dallo sfarzo degli eventi e dalle pietanze ricche di sapori intensi e antichi.

In attesa di partire, vi proponiamo un viaggio immaginario che, dalle Isole Tremiti, approdati sulla terraferma, vi guidi attraverso il Gargano, le coste baresi e brindisine, il Salento e, toccata l’estremità del tacco a Santa Maria di Leuca, risalga il fronte ionico fino al confine con la Basilicata.

CALA MATANA, ISOLE TREMITI

È ammirando queste acque, che Lucio Dalla compose la canzone “Com’è profondo il mare”. Già questo potrebbe bastare per partire. Prendiamo dunque il largo, direzione arcipelago, e nel cuore della baia che si affaccia lungo la costa, troveremo la prima tappa del nostro viaggio: la spiaggia di Cala Matana o Cala della Duchessa. Una destinazione particolarmente indicata per gli amanti degli sport acquatici e per gli appassionati di coralli, soprattutto quello nero, tipico del luogo. Vi consigliamo di spostarvi fra un lembo di terra e l’altro, in barca o in canoa, per vivere il mare appieno.

SPIAGGIA DEI 100 GRADINI, SAN MENAIO GARGANICO

Tornati sulla terraferma, fra Rodi Garganico e Peschici, nei pressi di San Menaio Garganico, la Spiaggia dei 100 gradini è il premio in palio che vi attenderà dopo aver percorso il lungo sentiero che le dà il nome. Una via di accesso esclusiva, che parte dalla litoranea garganica e che si apre su uno spettacolo di acque verdi, incorniciato da un alto costone di roccia e da una rigogliosa macchia mediterranea: un ottimo rifugio durante le ore e le giornate più calde.

SPIAGGIA ZAIANA

Se invece della tranquillità e della comodità di far giocare i vostri bambini su una spiaggia fine e dorata, preferite una frizzante movida da mattina e notte, la spiaggia Zaiana, nella baia di Peschici, è quello che fa per voi.  In parte libera e in parte attrezzata con stabilimenti e bar che noleggiano anche moto d’acqua e pedalò, si trova vicino alla attigua Baia di Manaccora e si raggiunge discendendo un sentiero a scalini che congiunge la spiaggia con la strada e il parcheggio. Calato il sole, bar e locali si trasformano in discoteche on the beach.

SPIAGGIA DI SCIALMARINO

Battuta costantemente dal vento, la spiaggia di Scialmarino, a soli 5 chilometri da Vieste, è la mecca per gli amanti del surf, anche se principianti, viste le scuole di kite surf e wind surf presenti in loco. Per chi desiderasse fare anche una gita culturale, può visitare, nelle vicinanze, un caratteristico trabucco garganiano, la “Necropoli della Salata” o “Salatella” e la chiesa di Santa Maria di Merino.

BAIA DELLE ZAGARE

La baia delle Zagare deve il nome ai fiori d’arancio, ma viene anche chiamata “baia dei Mergoli” o “Spiaggia dei Gabbiani”, per il grande numero di uccelli che la frequentano. Immersa nella natura selvaggia, si apre sulla costa, lasciando alle spalle il Parco Nazionale del Gargano, e al suo largo spuntano i due faraglioni “Arco di Diomede” e “Le forbici”. Le fragranze di rosmarino e di pino d’Aleppo, tipiche della zona, donano non solo i caratteristici profumi, ma anche straordinarie sfumature alle acque, esaltate dal bianco delle rocce che scendono a strapiombo sul mare e dei ciottoli che in qualche tratto sostituiscono la sabbia.

LE SPIAGGE DI POLIGNANO A MARE

Che dire di Polignano a Mare, se non che si tratta di una delle zone più famose di tutta la Puglia? La località, osserva il mare da una scogliera di oltre 20 metri di altezza. Le sue spiagge hanno ottenuto più volte i riconoscimenti attribuiti dall’Unione Europea per la qualità delle acque e per la particolarità del patrimonio naturalistico dell’entroterra. A tutto ciò aggiungete la vitalità della vita marina grazie alle numerose grotte, una per tutte Grotta Palazzese. L’elenco delle spiagge di Polignano è piuttosto lungo. Partiamo da Spiaggia Cala Porto: ciottoli bianchi, mare cristallino, dall’azzurro al turchese intenso. La spiaggia è piccola e si trova incastonata tra i bellissimi edifici sul mare che poggiano sulle scogliere. E’ nota anche come Spiaggia Lama Monachile, dal nome del ponte, costruito sul tracciato dell’antica via Traiana, che si deve attraversare per raggiungerla. Poco più in là, l’insenatura di Cala Grottone offre la possibilità di tuffarsi nelle sue splendide acque. Per raggiungerla basta percorrere il lungomare dedicato a Domenico Modugno ricordato dalla statua eretta in suo onore. Porto Cavallo, altro gioiello rubato alle rocce, offre divertimento soprattutto alle famiglie, per la sua tranquillità. Procedendo verso Bari, si arriva a San Vito, nota per l’abbazia del X secolo, la Torre Saracena, le antiche vasche per la riproduzione delle anguille e per la sua spiaggia. A nord di Polignano, si apre il mondo del tutto diverso di Cala Fetente. Non lasciatevi ingannare dal nome: a renderla diversa è l’apertura alla night life, con serate mondane e aperitivi. Del tutto particolare, la spiaggia di Cala Paura, molto piccola e divisa in un settore privato e uno pubblico. Qui si trova anche una tipica tavola fredda con friggitoria che serve tipici panini di pesce appena pescato (delizioso il panino con il polpo!) a dieci metri di distanza. Romanticissima alla sera per godersi un tramonto in compagnia di un buon bicchiere di vino e la dolce metà.

LA SPIAGGIA DI TORRE GUACETO

Avvicinandoci sempre più al tacco, a pochi chilometri da Brindisi, nell’Alto Salento, l’Area Marina Protetta di Torre Guaceto, incastonata fra gli scogli di Apani e Punta Penna Grossa, continua a resistere stoica agli attacchi di quanti vorrebbero snaturarne le caratteristiche per piegarle all’industria dei complessi turistici. Tappa di sosta anche per gli uccelli migratori, l’area è nota per la sua biodiversità, con spiagge di sabbia, dune e una ricca macchia mediterranea fatta di piante di mirto, ginepri, lecci, canneti. Nei mesi di ottobre e novembre l’oasi diventa il regno dei fenicotteri, mentre i fondali riservano, a chi li affronta munito di pinne, lo spettacolo offerto dalle enormi distese di posidonia, pianta acquatica che offre nutrimento e protezione a organismi animali e vegetali.

SPIAGGIA DI TORRE DELL’ORSO

Con Baia di Torre dell’Orso, entriamo ufficialmente nel Salento. La mezzaluna di sabbia è una delle baie più grandi, estesa per circa 900 metri. Il paesaggio è dominato dalle “due Sorelle”, enormi faraglioni di pietra chiara incastonati nell’acqua cristallina. La posizione della baia, dal clima mite e ventilato anche nei giorni più afosi, è ideale per aggiungere alla vacanza una visita alle vicine Lecce, Otranto e all’entroterra.

GROTTA DELLA POESIA

Non molto lontano dalla Baia dei Turchi (altra Bandiera Blu a ridosso della macchia), nel cuore della Marina di Melendugno, si trova Torre Sant’Andrea, famosa per la Grotta degli Innamorati e la Grotta della Poesia. Quest’ultima, è una cavità alta 4 metri e si presenta come il cratere di un vulcano, dentro il quale si ha acqua cristallina, continuamente rigenerata grazie all’apertura che comunica con il mare aperto.

PONTE CIOLO

In località Gagliano del Capo, sulla stessa litoranea che poi da Santa Maria di Leuca prosegue verso Otranto, si trova una bellissima spiaggia raggiungibile tramite una scalinata che parte dal Ponte del Ciolo, che vanta un’altezza di circa 40 metri e dà il nome alla baia. La vista sul mare cristallino lascia senza fiato e sono molti i tuffatori che da questa altezza decidono di tuffarsi. Nuotando nella baia, si arriva in una grotta alta 30 metri e chi vuole può anche noleggiare una canoa per fare un tour.

PESCOLUSE

Girata la boa e muovendoci ora lungo la costa ionica, siete pronti ad un ennesimo spettacolo irrinunciabile? Eccovi allora le Maldive del Salento, ovvero Marina di Pescoluse, fra Ugento e Santa Maria di Leuca, in posizione strategica per scegliere l’Adriatico o lo Ionio, in base al vento: di scirocco dal primo, di tramontana dal secondo. Marina di Pescoluse offre la stessa sabbia bianca finissima, le stesse acque cristalline dai fondali bassi delle Maldive e dune ricoperte di acacie e gigli bianchi e piccoli isolotti di sabbia sparsi al largo della baia. Tra Torre Pali e Torre Vado, il mare invita ad un tuffo nelle sue acque bellissime che le hanno fatto meritare la Bandiera Blu di Legambiente. Da qui si arriva in pochissimi minuti alla Finis Terrae, come viene definito il Capo di Santa Maria di Leuca.

TORRE COLIMENA

La spiaggia di Torre Colimena prende il nome dall’omonima torre di avvistamento del XVI secolo, al cui interno è visitabile un museo della ceramica pugliese. Avvolta nella bellissima e selvaggia natura che la circonda, la spiaggia ha alle sue spalle la famosa Salina Monaci, popolata da esotici fenicotteri rosa che rendono il paesaggio ancora più suggestivo. Le dune sulla spiaggia, l’acqua colore turchese e il clima di relax che caratterizza la spiaggia sono tutti ingredienti per una idilliaca gita al mare.

CAMPOMARINO DI MARUGGIO

Ottima location per liberare la mente e trasportarsi in un paradiso esotico, Campomarino di Maruggio è la spiaggia di un tipico borgo marinaro di Puglia dove famiglie e gruppi di ragazzi possono trascorrere insieme fantastiche vacanze a due passi dal Salento e da Taranto. I diversi locali, ristorantini e bar sulla spiaggia completano questo quadro con delizie e specialità gastronomiche locali.

SAN PIETRO IN BEVAGNA

Un paradiso nella provincia di Taranto, la spiaggia di San Pietro in Bevagna è di una rara bellezza che lascia senza fiato per il mare azzurro trasparente e la sofficità della sua spiaggia di colore oro. I fondali anche qui sono prevalentemente bassi e ideali per giornate di divertimento in famiglia. Molte strutture ricettive, appartamenti, bar e trattorie che servono pesce fresco secondo le tradizioni e ricette locali circondano la zona, rendendo il luogo decisamente prediletto da moltissimi turisti. Godersi un tramonto sulla spiaggia a fine stagione è qualcosa di unico e irresistibile per ogni coppietta romantica!

MARINA DI GINOSA

Siamo giunti al confine con la Basilicata e alla fine del nostro percorso. Finiamo in bellezza con l’ennesima spiaggia fregiata nel 2017 della bandiera Blu per la limpidezza delle sue acque. La lunga spiaggia è coperta di tenera sabbia dorata ed è lambita da una verde pineta che si protrae fin verso il mare, dal fondale sabbioso e non troppo profondo.

Chiudiamo qui questo tour ideale, convinti di aver segnalato solo alcune delle mete meritevoli di una visita. La costa pugliese è tutta da visitare, speriamo che con il nostro articolo, oltre ad aiutarvi a scegliere la destinazione della vostra vacanza, vi abbiamo fatto venire la voglia di un viaggio on the road per coprirla tutta. Qualunque sia la vostra scelta, buona navigazione!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi