PAOLO CONTICINI – L’intervista | « Ho sempre vissuto d’amore, di sentimenti, di emozioni » / di Gino Morabito

Quando disse a suo padre che non avrebbe più sostenuto il concorso per vigili del fuoco, non si salutarono per cinque mesi. Ma ardeva dentro il sacro fuoco dell’arte e ad attenderlo una riuscita prova d’attore in Uomini uomini uomini. Salito su quel treno, Paolo Conticini c’è rimasto. Con l’entusiasmo di un performer che si diverte a giocare portando in scena sé stesso.
Un giovane pisano poco più che ventenne in cerca della propria strada.


Era un periodo incerto e sofferente, da un lato; bellissimo dall’altro. Provavo la sofferenza di non riuscire a trovare la mia strada e, per contro, la libertà di poter andare in tutte le direzioni. Ho dei ricordi dolcemente malinconici di quell’età, ma decisamente splendidi.

Ha amato tutto.


Ho sempre vissuto d’amore, di sentimenti, di emozioni. Si può provare amore per un amico, per la propria compagna, per i genitori, per i figli. L’amore è un sentimento universale e totalizzante, il motore del mondo. È l’aspetto magico della vita. Con l’amore puoi affrontare qualunque difficoltà ti riservi il destino.

Sul palco come nella vita.


Ritengo di aver fatto molte cose buone nella vita, così come tanti sbagli. Sbagli che però fanno parte del percorso di ognuno e diventano paradossalmente giusti lungo quel cammino personale. Credo di essere stato sempre coerente con me stesso. Ho sempre fatto quello che sentivo nel cuore e, quando ho sbagliato, l’ho fatto in buona fede.

“Questo mestiere ti illude, specie quando sei giovanissimo e tenti di muovere i primi passi. Ti fa sperare continuamente in nuove possibilità, in nuove chance e tu ci credi, vai avanti, aspetti l’occasione della tua vita per sbarcare il lunario e intanto gli anni passano, il tempo è sempre meno e il rischio di fallire è enorme”.


Ti senti come un bambino che aspetta una caramella ma non gliela danno. Allora ne aspetta un’altra e un’altra ancora. Il più delle volte, però, quella caramella non arriva mai.

Articolo completo