di Stefania Buscaglia

Oltre mezzo secolo di storia per uno dei ristoranti italiani tre stelle Michelin più rinomati al mondo. Una saga familiare e un esempio virtuoso di imprenditoria, emblema di un Made in Italy di qualità assoluta.

In Italia sono solo undici i ristoranti tri-stellati Michelin. E tra questi, ve n’è uno che da oltre mezzo secolo, porta avanti con onore una tradizione famigliare che con cura e dedizione, ha saputo tenere alta la propria reputazione, innovandosi con eleganza e proponendo una cucina raffinata mai scontata e in continua evoluzione.
È il Ristorante Da Vittorio della famiglia Cerea.  Un ristorante che non ha bisogno di presentazioni e che nel tempo, ha collezionato numeri e riconoscimenti senza pari: prima stella Michelin conquistata nel 1978, sino al raggiungimento della Fabrizio Donati - Da Vittorioterza nel 2010. Tre Forchette Gambero Rosso, Tre Cappelli de L’Espresso, immancabile la sua presenza in tutte le principali guide mondiali: da Taste the World, a Les Grandes Tables du Monde; da Relais & Châteaux alla francese La Liste.
Una storia iniziata nel gennaio del 1966 quando Vittorio Cerea e la moglie Bruna decisero, in un misto di convinzione e paura, di aprire un ristorante di proprietà in una delle vie principali di Bergamo. Un locale inizialmente modesto e con pochi coperti, ma con un’evidente missione innovativa per la città: quella di portare e servire in tavola il pesce di mare, materia ancora misconosciuta nel capoluogo orobico, e paradossalmente introdotta e proposta da un giovane ristoratore che aveva mosso i primi passi della sua carriera lavorativa in una macelleria.

Load More